Portali di Servizio al Cittadino II

Centro di Competenza per lo Sviluppo Aperto, Partecipato e condiviso

... in Italiano, grazie ! Questa pagina è in italiano  in English, please ... In English, please !

Periodo: Giugno 2009 – Maggio 2010
Committente: Direzione Sistemi Informativi della Regione Veneto
Ambito Regionale: Governance dell’Innovazione

Sintesi del progetto
L’individuazione di un processo è simile all’istituzione di uno standard: come tale, fornisce una definizione comune, utile a condividerne i contenuti. Il modello costruito è altra cosa dal processo reale, entità dinamica che deve necessariamente essere portata su di un piano di maggiore astrazione, piano più adatto ad ottimizzazione e comunicazione.

Vi è un forte limite in tale operazione: come ogni attività umana, le attività produttive e in particolare le attività nel settore dei servizi, sono soggette a continui cambiamenti.

Tali rappresentazioni tuttavia invecchiano rapidamente e se non sono adeguatamente sostenute da un continuo e comune impegno nell’aggiornamento esse si trasformano in sbiadite fotografie di passate strutture organizzative. La separazione tra realtà e rappresentazioni nei processi è tale che c’è chi già parla di fine del processo[1].

Come è possibile colmare il gap in termini di inseguimento delle rappresentazioni nei confronti dei processi reali? La strategia che qui suggeriamo prevede un ragionato ricorso alle tecnologie informatiche con un triplice obiettivo: (a) ridurre i tempi tra la rappresentazione del processo e la sua diffusione, grazie ai connessi sistemi di editing (come vedremo, offerti dai connessi tools), (b) rendere interagibile/interoperabile con l’esterno tale rappresentazione, grazie ai nuovi standard (come vedremo, soprattutto XPDL), (c) rendere anche dinamica tale rappresentazione tramite la codifica del modello procedurale direttamente nei sistemi informativi (offerta da XPDL stesso ed in forma più mirata da BPEL).

Tale strategia è evidentemente attuabile in un contesto di una “nuova generazione” di Pubbliche Amministrazioni in grado di utilizzare i sistemi informativi con competenza e rapidità in una logica di riuso non tanto dei programmi software, quanto persino dei processi.

Fasi e Progettazione Esecutiva
Task #1, Research Study linguaggi/strumenti di definizione dei processi:
attività di analisi per l’identificazione di linguaggi e strumenti adatti alla descrizione e scomposizione in attività dei processi costituenti i servizi (online e non) di eGovernment

In questa fase sono stati condotti degli approfondimenti importanti su standard, tecnologie ed applicativi a codice aperto utilizzabili per una informatizzazione “process-oriented” dei servizi della Pubblica Amministrazione. Sono stati identificati lo standard XPDL per la memorizzazione dei flussi, lo standard BPMN per la rappresentazione ed è stata condotta una software selection degli applicativi BPM disponibili, con la conclusione di attivare le sperimentazioni con il sistema BONITA (tecnologia francese di derivazione Bull a codice aperto, attualmente in Rev.5.0).

Task #2, Model Design – processi ad hoc emergenti dalle richieste utenti:
definizione/progettazione di un modello (EGO) di tracciatura delle richieste utenti, identificazione delle correlate attività per la definizione di nuovi processi “ad hoc” con l’utilizzo di strumenti flessibili di semantic web; T2 andrà a sviluppare e completare le premesse di T1;

Definizione di un modello operativo per la formalizzazione, la manutenzione e la tracciatura di processi originati da richieste del cittadino. Questa fase, ineremente progettuale, ha preso spunto da alcuni strumenti di interattività cittadino-PA sviluppati nell’ambito del “cluster dei portali” per l’ambito bellunese e feltrino. La tecnologia di riferimento di myIntranet, ovvero Liferay, è stata approfondita con lo scopo di acquisire le competenze necessarie a creare i prototipi.

Task #3, Dissemination of Results – consolidamento editoriale:
strutturazione, editing e stampa di un libro che consolidi e raccolga in forma scritta le esperienze di eGovernment operate in collaborazione con la Regione Veneto; il testo potrà essere accompagnato da pubblicazioni collaterali su riviste nazionali ed internazionali inerenti ad IT, qualità ed eGovernment;

Il modello alla base del  progetto editoriale si ricollega al consolidato sistema di collaborazioni multi-ente strutturato dalla Regione Veneto al fine di una migliore diffusione e comprensione dell’eGovernment presso le realtà a diretto contatto con i cittadini. Le specifiche esperienze possono essere portate a sintesi in un percorso editoriale che dia evidenza ai diversi fronti di innovazione aperti nella realtà regionale.

Il risultato del D3 è sicuramente un’operazione editoriale importante per il Dipartimento e per la collaborazione con Regione Veneto. Il testo, di circa trecento pagine, ha dato espressione compiuta ad un insieme di percorsi esperienziali e scientifici di intervento proattivo sull’innovazione nell’ICT della PA veneta.

Task #4, Case Study – ritorni sulla qualità dei servizi modello web 2.0:
sperimentazione di uno strumento (eQual) per consentire, in uno specifico contesto applicativo, una misura diretta della qualità dei servizi via feedback collaborativo/semantico con meccanismi di reputation per il sensing immediato e validato dei ritorni dei cittadini sui servizi fruiti;

Il prototipo oggetto del T4 propone una soluzione di interazione tra un Workflow Management System ed un portale web. In particolare, è stato adottato NovaBonita BPM v.4.1.1 per la gestione dei workflow e Liferay portal v.5.2.3 come portale web. In questo prototipo, il processo candidato per la sperimentazione è “Richiesta d’installazione di cartellone pubblicitario”.

Questa attività si è rivelata più complessa del previsto. Bonita presenta delle immaturità ed è poco documentato. La rev.5.0 peraltro “perde” il supporto XPDL. L’interazione tra Bonita e Liferay è assolutamente difficile.

Organizzazione

Comitato di Gestione eGov-Int
Unive-DAIS: Prof. Agostino Cortesi (Responsabile), Dr. Antonio Candiello (PM)
Rve-DSI: Ing. Elvio Tasso (Responsabile), Dr. Antonino Mola (PM)

Comitato Tecnico/Scientifico
Unive-DAIS: Dr. Antonio Candiello (coordinamento); Dr. Andrea Albarelli (coordinamento R&D), Michele Malgaretto, Carlo Destro, Enrico Massolin, Marco Simion (laureandi); dr.ssa Giulia Costantini (dottoranda)

Comitato Editoriale
Unive-DAIS: Prof. Agostino Cortesi (supervisione), Dr. Antonio Candiello (coordinamento); Stefania Vianello (laureanda)

Pubblicazioni
Libro “Processi condivisi e sistemi aperti per un egovernment partecipato – L’esperienza della Regione Veneto nella promozione della società dell’informazione e della conoscenza tra enti locali, imprese, cittadini e territorio”, AA.VV., Università “Ca’ Foscari”, Venezia, 2010;

“Quality and Impact Monitoring for Local eGovernment Services”, A. Candiello, A. Albarelli e A. Cortesi, Journal Transforming Government: People, Process and Policy, vol.6(1), p. 112-125, Emerald Ed. (ISSN: 1750-6166);

“Three-layered QoS for eGovernment Web Services”, A. Candiello, A. Albarelli e A. Cortesi, pp.1-6, in: P. Agouris, C. Baru, R. Sandoval, proceedings of the 11th International Conference in Digital Government Research DGO 2010, ACM digital library, May 17-20, 2010, Puebla, Mexico (“Second Best Paper Award” della conferenza);

“Business Process Management. Tecniche di Bpm/Workflow a supporto dei processi in un modello di IT “flessibile” per la Pubblica Amministrazione Locale”, A. Candiello, S. Vianello, A. Cortesi, A. Mola, E. Tasso, B. Salomoni, pagg.11-17, articolo su “Qualità”, numero speciale “Informatica e Qualità. La Società dell’Informazione”, settembre/ottobre 2010;

Deliverabili
“Documento di accompagnamento del prototipo”, a cura di A. Candiello con il contributo di C. Destro, E. Massolin e S. Vianello progetto “Indagine … qualità dei servizi”, D4.1 Rev.2.0 del 30/06/2010, pagg.1-51;
“Definizione indice, materiali e modello del testo”, A. Candiello, D3.1 Rev.1.0 del 30/9/2009, pagg.1-8;
“Versione definitiva del documento di progetto”, A. Candiello, con il contributo di S. Vianello ed E. Massolin, D2.2 Rev.2.0 del 30/11/2009, pagg.1-101;
“Prima bozza del documento di progetto”, A. Candiello, D2.1 Rev.1.0 del 30/7/2009, pagg.1-37;
“Prima bozza del documento di analisi”, A. Candiello e M. Malgaretto, D1.1 Rev.1.0 del 31/5/2009, pagg.1-44;

Tesi di Laurea
“Modelli e sistemi di eGovernment Intelligence”, tesi di laurea di L. Bianchin, Relatore: A. Cortesi, Correlatore: A. Candiello, Corso di Laurea in Informatica (Triennale), Università “Ca’ Foscari” di Venezia, AA 2009-2010, pagg.1-54;
“Analisi delle applicazioni BPM nel framework myPortal/myIntranet/myWorkflow della Regione Veneto”, tesi di laurea di S. Vianello, Relatore: A. Cortesi, Correlatore: E. Pozzana, Corso di Laurea in Informatica per le Discipline Umanistiche, Università “Ca’ Foscari” di Venezia, AA 2008-2009, pagg.1-135;

Ritorna alla pagina del Laboratorio Veneto di eGovernment


[1] Vedasi ad esempio: “The End of Process”, Ross Mayfield’s Weblog – Markets, Technology & Musings, disponibile su ross.typepad.com.